Coach Tarot

“Nella domanda c’è la risposta, nel problema la soluzione”

-Pieruligi Lattuada

A volte ci sentiamo confusi, in balia degli eventi, pensiamo che la nostra vita sia gestita da forze esterne. Vorremmo che tutto si risolvesse in un istante, in un battito di ciglia, abbiamo fretta, fretta, fretta che tutto sia perfetto, senza intoppi, senza “problemi”, come noi lo aneliamo. Tutto e subito!

Pensiamo di aver bisogno di tante cose, ci facciamo prendere dallo sconforto, e invece non ci accorgiamo, di quelle che sono le nostre reali necessità. Dimentichiamo chi siamo, cosa vogliamo dalla vita e le nostre priorità.

Caro Lettore Errante, ti racconto in breve la mia storia con i tarocchi.

La mia storia ed il mio personale pensiero

Verso il 2008 mi avvicinai a questo mondo magico per curiosità e forse un po’ come tutti i principianti attirata dall’idea che, questo strumento potesse essere capace di aiutarmi a risolvere in un istante tutti i problemi, le perplessità, i dubbi come se fosse una bacchetta magica.

Iniziai così a leggere diversi libri, a navigare in internet, per acquisire le informazioni che ritenevo utili per capire come funzionassero, come usarli, per scoprire il significato di ogni carta. Eppure, dopo tanto impegno c’era qualcosa che non tornava in me, non scattava la scintilla!

Tutto quello che leggevo era affascinante, incantato, ma mancava qualcosa, stavo commettendo l’errore più grande per me.

Nel tempo mi accorsi, che il percorso che avevo intrapreso non era in sintonia con la mia formazione scientifica, pratica e razionale. Inoltre, non vedevo il vero impiego pratico, concreto, proattivo, costruttivo in un uso così passivo di questo strumento, di cui ne comprendevo giorno dopo giorno, il potenziale e la ricchezza infinita.

Non sentivo nessun beneficio a delegare ad uno strumento la scelta delle mie azioni, anzi mi sembrava limitare la mia libertà; sì la mia libertà di scegliere, di decidere per me stessa!

Ho sempre creduto fermamente nel libero arbitrio, e nel fatto che lo stesso implichi prese di posizioni consapevoli e quindi responsabilità delle proprie azioni. Quando sei tu a decidere, a scegliere, non hai più la “scusante” di addossare agli altri o agli eventi o al destino, “la mancanza” del raggiungimento della meta.

Fu così, che iniziai a cercare scuole di pensiero, che fossero sulla stessa frequenza energetica, fra la mia mente, la mia coscienza, in coerenza con il mio modo di vivere ed essere.

Frequentai diverse scuole di Tarologia, ed infine oggi ho totalmente sposato la filosofia di Alejandro Jodorowsky, di Antonio Bertoli e Marianne Costa.

Oggi posso affermare caro Lettore Errante, che ho compreso quello che per me è il vero scopo dei tarocchi: sono uno strumento potentissimo per imparare a conoscersi, a migliorarsi, a sviluppare l’intuito, a guardare i problemi –che amo chiamare “sfide”, da altre prospettive, con occhi diversi, ad ampliare le vedute, ad aver più fiducia in noi stessi e nei nostri strumenti.

Continuo ogni giorno a studiare i tarocchi, e la loro inesauribile sapienza.

Cosa non è Coach Tarot?

Caro Lettore Errante in cerca di aiuto, per prima cosa ci tengo a chiarire in modo inequivocabile e chiaro cosa NON è Coach Tarot.

Il Coach Tarot, NON è cartomanzia, NON è previsione del futuro. NON risolve problemi legali, o di investimenti economici, e tantomeno problemi legati alla salute.

Premesso e chiarito che non sei qui per usare una bacchetta magica, o delegare a me o al tarot la soluzione alle tue sfide, sono felice di raccontarti cosa puoi realizzare insieme a me e a questo meraviglioso strumento.

In cosa consiste Coaching Tarot?

Il Coaching Tarot è lo strumento con cui unisco le tecniche del Coaching alle immagini dei Tarocchi.

Con una sessione di Coaching Tarot, ci si prefigge un solo obiettivo alla volta.

In questo contesto fa da timone, la tecnica della visualizzazione, l’osservazione dell’immagine, dei simboli, il richiamo che hanno su di noi, sulla nostra memoria, sui nostri sensi, e che ci guidano lungo la risposta, lungo la soluzione.

I tarocchi sono come una lingua primitiva. A forza di parlare ed usare un altro linguaggio ne abbiamo dimenticato le parole, la grammatica, i simboli.

La mia presenza come Tarologo è quella di compagno di viaggio che conosce questa lingua “straniera”.  Ti aiuterò a tradurre, a prendere coscienza e consapevolezza di ciò che è già in tuo possesso, delle risposte che sono già dentro di Te.

Che cos’è il Coach Tarot?

Il Coach Tarot è una tecnica che consente di individuare e prendere consapevolezza di vecchi nodi o schemi ripetitivi, che per abitudine, pigrizia, o non piena coscienza, ci tengono bloccati nella zona di confort, e ci fanno stagnare.

È un modo per permetterci di essere di nuovo protagonista della nostra vita e non più “vittima” degli eventi e delle persone, o lettori passivi del libro “della nostra vita” di cui qualcun altro ne scrive il testo, sceglie il carattere, le immagini, i colori.

Attraverso Il Coaching Tarot prendi consapevolezza di te stesso, dei tuoi limiti, di ciò che si frappone fra te ed il tuo obiettivo per iniziare ad agire, a vivere nel presente, per mettere le basi di un futuro migliore, a far fluire di nuovo le energie, ed andare avanti.

Il Coaching Tarot ti può offrire un aiuto concreto, e questo avviene se tu sei pronto a essere sincero con te stesso, a metterti in gioco, a cambiare, a lasciare andare.

Esatto a lasciare andare, ciò che ti appesantisce, blocca, confonde, ciò che in qualche modo erroneamente ti fa sentire al sicuro, ma che sono solo invece delle zavorre (paure, rabbia, abitudini mal sane, autoconvincimenti, etcc) che ti impediscono di vivere una vita serena e in cui ti senti a tuo agio.

Non dimenticare mai che, le scelte sono e restano sempre le Tue; il LIBERO ARBITRIO non è mai messo in discussione!

Evita di cadere nell’errore di pensare, sperare, pretendere che cambiare la tua vita possa essere delegato a qualcun altro (in questo caso alle carte) e ricorda che, non esistono bacchette magiche, ma solo forza di volontà, motivazione al cambiamento, resilienza, fiducia in sé stessi.

Come si svolge una sessione di Coach Tarot?

Esattamente come una sessione di Coaching, ma attraverso l’ausilio dello strumento di visualizzazione degli arcani.

Ci sarà un breve colloquio preliminare, quello che tecnicamente viene definito “dialogo tarologico”, ossia un dialogo aperto e sincero, per individuare e inquadrare la situazione iniziale da cui si parte, il motivo del consulto, la “sfida da affrontare”, l’obiettivo da raggiungere.

Le domande come nel Coaching non saranno chiuse, ma aperte, per consentire di porsi in modo attivo difronte alla meta che si desidera raggiungere.

Ti aiuterò a inquadrare la sfida, e a porre la domanda nel modo corretto; non sarai solo, ma sarò al tuo fianco.

L’importanza della domanda corretta

A= attiva: Sei tu l’artefice del tuo cambiamento

S= specifica: focalizzata ad un unico obiettivo.

A= aperta, che possa prevedere una risposta articolata e non un sì o un no

P= personale. Puoi decidere solo per te stesso, e no su terze persone.

Le domande chiuse sono quelle alle quali si può rispondere con un Sì o con un No, e non apportano nulla di costruttivo al cliente; all’opposto ne ledono totalmente la sua libertà, la sua intelligenza, la sua autostima.

Le domande aperte sono quelle che consentono di agire in modo attivo e consapevole.

Avvertimento Importante

Se hai problemi di salute, rivolgiti al tuo medico, non affidarti ad una lettura dei Tarocchi.

 

PER LA PRENOTAZIONE DI UNA SESSIONE DI COACHING TAROT

Ecco alcune informazioni pratiche:

una sessione dura circa 30 minuti (non preoccuparti, non sono fiscale sul tempo di un consulto, ciò che conta è raggiungere l’obiettivo).

 Puoi effettuare il pagamento: con PayPal  o con bonifico bancario (contattami per ricevere i dati).

Dopo il tuo messaggio ti verrà confermato l’appuntamento tramite e-mail. Al momento dell’appuntamento sarò io a chiamarti.

Il futuro non si può prevedere, ma si può cambiare partendo dal presente e dalla tua forza di volontà.